Renato Natali, un pittore che amò la sua città

Renato Natali (1883-1979) è stato un pittore italiano del Novecento, livornese, amico di Amedeo Modigliani.
Importante per lo sviluppo del suo stile pittorico, fu la frequentazione del noto Caffè Bardi della sua città, frequentato da artisti e intellettuali, tra cui il gruppo dei Macchiaioli, stile che influenzerà molto Natali.
Le sue opere guardano tantissimo alla sua bella Livorno, dalla vita semplice e quotidiana, agli ambienti più colti (come il teatro, a cui dedicherà molti dipinti). In questa breve “pillola”, ho deciso di trattare un quadro essenziale, quasi monocomo, ma dall’atmosfera molto particolare, intitolato La casa di Mascagni, che più volte amó raffigurare sia in notturna, che in diurna e datato 1940 ca., evidente omaggio al compositore livornese e un modo anche per ripercorrere l’importante storia culturale della città. La scena, immersa nel silenzio della sera, raffigura una strada semi deserta, se non fosse per la presenza di due figure femminili che sembrano camminare frettolosamente. I punti di colore rosso dell’abito della donna a sinistra, il bianco del suo scialle con le frange ed il colletto candido della figura a fianco, illuminano il dipinto, costruito su toni abbastanza freddi e decisamente meno accesi. In alto, si intravede un lenzuolo steso, spesso presente nelle vedute urbane di Natali, che fa subito presagire altre presenze a popolare idealmente la scena. La pennellata risulta ricca, pastosa, fatta di “macchie” di colore, tipica dello stile del pittore, che trasforma il ricercato realismo in nuova “intuizione” della materia, attraverso originali cromatismi.

Copiright immagine: http://www.renatonatali.it/opere/la-casa-mascagni/