Il “Palazzo dei mostri” a Roma

Tra le architetture che attraggono il visitatore, passeggiando per le vie di Roma, c’è sicuramente il Palazzo Zuccari. Situato a Trinità dei Monti, risale al 1592 e fu progettato dall’artista marchigiano Federico Zuccari (fratello di Taddeo), pensandolo come propria residenza e studio d’artista. Zuccari ideó una struttura assai particolare (coi secoli ha subito diversi rimaneggiamenti), che valse nel tempo, a questa costruzione il soprannome di “Palazzo dei mostri”. Infatti, osservando gli esterni che affacciano sulla via Gregoriana, si resta colpiti dai grandi mascheroni che riproducono figure infernali e che adornano il grande portone d’ingresso e le cornici delle finestre. Ammirando queste fattezze immaginifiche tanto particolari, é possibile notare una strettissima somiglianza con altri noti “mostri lapidei” e cioè quelli del Sacro Bosco di Bomarzo (VT), anche questo progetto risalente al Cinquecento, di Pirro Ligorio, noto architetto e artista di origini napoletane di cui, tra i grandi lavori, si ricorda la Villa d’Este a Tivoli e l’affidamento di varie opere in Vaticano. Il Palazzo Zuccari è oggi sede dell’importante Bibliotheca Hertziana, centro studi e ricerca che custodisce esclusivamente preziosi volumi riguardanti la storia dell’arte e una copiosa fototeca.

Copiright immagine:https://commons.m.wikimedia.org/wiki/File:Biblioteca_Hertziana_(46393906132).jpg